Locandina "Zio Vania"di Anton Čechov.1954-Scenografie di Sigfrido Bartolini

Scenografie di Sigfrido Bartolini-"Zio Vanja"di Anton Cechov-Locandina 

Logoassoc.jpg

ARCHIVIO CASA MUSEO SIGFRIDO BARTOLINI

Sigfrido Bartolini -24 aprile 2007-2021 
Ricordo di Sigfrido Bartolini con la Locandina dello "Zio Vanja" di Anton Čechov andato in scena il 1 aprile 1954
"Teatro Manzoni" di Pistoia -Regia di Fabrizio Rafanelli e Scenografie di Sigfrido Bartolini.
Due artisti-due secoli un medesimo sentire 
"Quelli che vivranno dopo di noi, fra due o trecento anni, e ai quali stiamo preparando la strada,ci saranno grati?
Si ricorderanno di noi con una buona parola? Balia, non ricorderanno!“ -Zio Vanja- Anton Čechov 
 "Čechov è un uomo che ha vissuto veramente con un sorriso sulle labbra,
benché abbia scritto cose tristissime"(Carmigget Simon)
<Brindo alla scienza: fintantoché non nuoce al popolo> A. Čechov
<Meglio perire per mano degli stupidi che averne gli elogi> A.Čechov
                                                      Čechov tenta di rappresentare un mondo ormai schiacciato                                             dall’insorgere della modernità e del suo materialismo egoista.
 Sigfrido Bartolini scriverà nel suo Diario
                                    <Gli uomini moderni credono di sapere tanto e invece non sanno poiché                                       ciò che veramente sapevano,per tradizione, lo hanno perduto> Sigfrido Bartolini
                                       <Prendi tutto col canto che la tristezza saprà farsi gioia>Sigfrido Bartolini                                                                                             
Due secoli -due artisti un medesimo sentire