Logo Case della Memoria
Donne nell'ombra presso il Ridotto del Teatro del popolo
21 settembre 2018| Castelfiorentino


donna.jpg
Il Museo della Badia di Vaiano compie 25 anni
La Cerimonia di Celebrazione il 22 settembre|Sala Capitolare della Badia di Vaiano

Vaiano si prepara a festeggiare il 25° anniversario del Museo della Badia. Erail 18 settembre del 1993 quando, in occasione del V centenario della nascita dello scrittore Agnolo Firenzuola (1493-1543), si tenne il taglio del nastro della sede museale, oggi anche Casa della Memoria dello scrittore Agnolo Firenzuola, che fu abate usufruttuario del monastero dal 1538 al 1543 e in questi anni compose le sue due opere più importanti: IlDialogo delle bellezze delle donnee la Prima veste dei discorsi degli animali.

Per festeggiare la ricorrenza, nel fine settimana del22 e 23 settembresi terranno una Cerimonia di Celebrazione, visite guidate gratuite alla Badia e al Museo della Badia di Vaiano a cura di Adriano Rigoli, la mostra Le abbazie vallombrosane nei disegni di Massimo Tosi” e uno speciale annullo filatelico. Le celebrazioni proseguiranno anche il 6 e 13 ottobre con visite guidate al museo Archeologico di Artimino e almuseo Soffici di Poggio a Caiano, la presentazione del libro “Misteri e manicaretti nel territorio pratese” e la Cena nella Tinaia della Villa del Mulinaccioper raccogliere fondi a favoredei restauri del Museo della Badia di Vaiano.

La Cerimonia di Celebrazione del 22 settembre

Sabato 22 settembre (ore 10.30, Sala Capitolare della Badia di Vaiano, piazza Agnolo Firenzuola) si terrà la Cerimonia del 25° anniversario del Museo della Badia diVaiano, a cui prenderanno parte, moderati daAdriano Rigolicoordinatore del Museo della Badia di Vaiano e presidente dell'Associazione Nazionale Case della Memoria:monsignor Franco AgostinelliVescovo di Prato, don Marco Locatiparroco di Vaiano,Eugenio Gianipresidente del Consiglio Regionale della Toscana,Stefano Ciuoffo assessore della Regione Toscana alle Attività produttive, al credito, al turismo, al commercio, Ilaria Bugetti consigliera regionale della Toscana,Claudio Cerretelli direttore dei Musei Diocesani, Paolo Tiezzi Maestri presidente dell'Istituto per la Valorizzazione delle Abbazie Storiche della Toscana, Marco Capacciolivicepresidente dell'Associazione Nazionale Case della Memoria, Primo Bosisindaco di Vaiano. 

Al termine della cerimonia è previsto un rinfresco con brindisi finale.


Le iniziative per il fine settimana del 22 e 23 settembre

Nei giorni di sabato 22 e domenica 23 settembre, il Museo della Badia sarà aperto dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. 

Sabato, nella Sala dell'antica Gualchiera del Monasterosarà allestita la mostra “Le abbazie vallombrosane nei disegni di Massimo Tosi” a cura di Massimo Tosi. Sabato 22 settembre dalle ore 10.30 alle ore 12.30 il Maestro Tosi firmerà le cartoline con i suoi disegni della Badia di Vaiano. La mostra sarà visitabile in orario di apertura del Museo dal 22 al 30 settembre 2018.

Per tutto il giorno (ore 10-12 e 16-19) sarà attivato un ufficio postalestraordinario che utilizzerà uno speciale annullo filatelico, riproducente la formella in ceramica acroma con stemma mediceo che si trova nel chiostro rinascimentale della Badia di Vaiano. Per la prima volta in Italia la dicitura “Casa della memoria” apparirà in un annullo filatelico.

Alle 17 appuntamento con “Agnolo Firenzuola abate umanista del Monastero di Vaiano (1538-1543), scrittore, poeta, commediografo, traduttore dei classici. L'ultima e più feconda stagione della sua produzione artistica”, visita guidata tematica della Badia e del Museo della Badia di Vaiano a cura di Adriano Rigoli.

Le visite alla Badia e al Museo guidate da Adriano Rigoli saranno replicate domenica 23 settembre(alle 11 e alle 17) e saranno dedicate al tema “Alle origini della Badia di Vaiano: Dalla legenda agiografica del miracoloso crocifisso di Beirut al “devotissimo spirante Crocifisso” dell'altare maggiore barocco”.

L'accesso alle visite alla Badia è libero e gratuito.


Le iniziative per sabato 6 e 13 ottobre 

Sabato 6 ottobre, appuntamento con le visite guidate in autobus a due musei della rete pratese, il Museo Archeologico di Artimino“Francesco Nicosia”(Carmignano) e il Museo Comunale Ardengo Soffici e del '900 italianoa Poggio a Caiano. La partenza è prevista alleore 14 da via dell'Argine a Vaiano (vicino al supermercato Coop), con rientro in serata. Gli spostamenti saranno effettuati su un autobusriservato e gratuitomesso a disposizione dalla rete museale pratese “Ti porto al Museo”.La quota di partecipazione è di 15 euro e include la visita guidata e il biglietto d’ingresso ai due musei.Prenotazione obbligatoriaal 328.7550630. 

Sabato 13 ottobre (ore 17) nella Sala dell'antica Gualchiera della Badia di Vaianosi terrà la presentazione del volume: “Misteri e manicaretti nel territorio pratese” a cura di Luca Martinelli(AA.VV.) Il volume fa parte della collana “Brividi a cena”delle Edizioni del Loggione, Modena 2018. Saranno presenti: Primo Bosisindaco del Comune di Vaiano, Cristina Orlandiscrittrice, Francesca Panzacchi scrittrice e curatrice editoriale, Luca Martinelli responsabile dell'Ufficio Stampa del Comune di Prato. Modera Adriano Rigoli.

Alle 20 appuntamento con la Cena nella Tinaia della Villa del Mulinaccio, Casa della Memoria del navigatore e scrittore Filippo Sassetti, con le ricette del libro “Misteri e manicaretti nel territorio pratese”. A fare da colonna sonora, la musica jazz e swing di Giorgio Rossini Quartet(Alessandro Berti contrabbasso, Pierluigi Barili pianoforte, Vittorio Conti batteria, Giorgio Rossini chitarra e voce). La cena, a cura dello staff di Mauro Ravalli con il supporto della Casa del Popolo di Vaiano, prevede un contributo di partecipazionedi 30 euro: il ricavato sarà completamente devoluto ai restauri del Museo della Badia di Vaiano. Prenotazione obbligatoriaal 328.7550630.





Installazione sonora “permanente”, a cura di Federica Maglioni e la Mostra di Mail Art sul terremoto a cura di Roberta Savolini
29 settembre (ore 17,30)| Casa Museo Raffaele Bendandi di Faenza 



case.png
Anteprima stagione concertistica del Centro Busoni
Martedì 2 ottobre| Cenacolo degli Agostiniani, Empoli (Fi)

In attesa della stagione concertistica 2018/2019che verrà presentata a breve vi diamo appuntamento martedì 2 ottobre, al Cenacolo degli Agostiniani con questa bella anteprima!

Martedì 2 ottobre ore 21.00 - Cenacolo degli Agostiniani, Empoli
QUARTETTO FELIX
VINCENZO MERIANI violino
FRANCESCO VENGA viola
MATTEO PARISI violoncello
MARINA PELLEGRINO pianoforte 


Ingresso gratuito

Programma:

Gustav MAHLER (1860-1911)
Quartetto in la minore
Nicht zu schnell. Entschlossen


Alfred SCHNITTKE (1934-1998)
Quartetto in la minore


Johannes BRAHMS (1833-1897)
Quartetto n. 3 in do minore op. 60
Allegro non troppo / Scherzo. Allegro / Andante / Finale. Allegro comodo


Il Quartetto Felix si è costituito nel 2015 all’interno dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia e si è perfezionato con Salvatore Accardo, Enrico Bronzi, Francesco Strano, Luigi Piovano e Andrea Lucchesini. Nel 2016 ha frequentato il corso di musica da camera tenuto da Bruno Giuranna all’Accademia Chigiana, ottenendo il Diploma di Merito e una borsa di studio. Nel 2016 e 2017 si è esibito al Mantova Chamber Music Festival. Nel 2017 ha seguito una masterclass con Frank Immo-Zichner dell’Universität der Künste di Berlino, e ha ottenuto il 2° premio al III Concorso Internazionale di Musica da Camera “M. Antonelli” e il Premio Speciale del Pubblico per la migliore esecuzione durante la finale.

Il concerto si inserisce nel progetto fff Fortissimissimo Firenze Festival.

fff – Fortissimissimo Firenze Festival METROPOLITANO, è una rassegna dedicata ai giovani musicisti italiani d’eccellenza, già vincitori di concorsi nazionali e internazionali, e alle migliori promesse, scelte fra le due istituzioni didattiche di riferimento nel territorio fiorentino, il Conservatorio Luigi Cherubini e la Scuola di Musica di Fiesole. L’iniziativa è inserita nelle attività dell’Associazione Amici della Musica come un’anteprima della Stagione Concertistica 2018-2019 e si colloca a cavallo dei mesi di settembre e ottobre. La direzione artistica è affidata ad Andrea Lucchesini -pianista di fama internazionale e didatta nel campo dell’alta formazione, già direttore artistico della Scuola di Musica di Fiesole- che ha selezionato alcuni talentuosi musicisti della nuova generazione.

Vaiano (PO) | Il 22 settembre si festeggia il 25° anniversario del Museo della Badia

depliant 150x150 copia
Forlimpopoli (FC) | I corsi, le news e gli eventi di Casa Artusi 



SETTIMANA DEL BUON VIVERE: dal 21 al 30 settembre l'atteso appuntamento che la Romagna dedica alla cultura del benessere equo e solidale


 

UNA CENA DI PESCE... AL VOLO! - GIOVEDI' 11 OTTOBRE dalle 20 alle 22,30
Corso pratico di pesce dedicato a chi ama cucinare piatti sani, semplici e sfiziosi!
LEGGI TUTTO


 
TORTELLINO CHE PASSIONE - GIOVEDI' 18 OTTOBRE dalle 20 alle 22,30
Corso teorico pratico con degustazione dedicato al tortellino fatto a mano, dalla storia di questo mito culinario alla preparazione.
LEGGI TUTTO


 

PICCOLE PORZIONI MA SFIZIOSE! - VENERDI' 19 OTTOBRE dalle 20 alle 23
Corso pratico dedicato a preparazioni dolci e salate.. presentate in monoporzione!
LEGGI TUTTO

 

LA PIADINA ROMAGNOLA - MARTEDI' 23 OTTOBRE dalle 20 alle 22,30
Corso pratico in collaborazione con l'Associazione delle Mariette dedicato alla piadina fatta a mano, tirata al mattarello e cotta sulle Teglie.
LEGGI TUTTO


 

Speciale CORSO di CUCINA per RAGAZZI - GIOVEDI' 25 OTTOBRE dalle 17,30 alle 19,30
Corso pratico di pasticceria per ragazzi dagli 11 ai 15 anni. Con la Maestra Pasticcera Olimpia Apogeo.
LEGGI TUTTO


 

CUCINA D'AUTORE CON IL MAESTRO FABIO ROSSI - LUNEDI' 29 OTTOBRE dalle 19,30 alle 23
Lo Chef stellato presenterà la sua cucina non banale, dove sapori freschi e originali incontrano abbinamenti e cotture equilibrate.
LEGGI TUTTO



 

LA CUCINA VEGETARIANA E VEGANA GOLOSA - MERCOLEDI' 14 NOVEMBRE dalle 20 alle 23
Corso dimostrativo con Antonio Scaccio. Nuove ricette per una cucina sana, piacevole e accattivante per gli occhi e per il palato.
LEGGI TUTTO

 

LATTE E LATTICINI: IL LORO IMPATTO SULLA SALUTE - MERCOLEDI' 28 NOVEMBRE dalle 20,30 alle 22,30
Fanno bene o fanno male!? Assaggiamo e approfondiamo in Scuola di Cucina con il Dott. Marco Brancaleoni, cardiologo ed esperto in medicine complementari
LEGGI TUTTO


 

RISTORANTE CASA ARTUSI, SERATE A TEMA - LUNEDI' 17 SETTEMBRE alle 20
Cena con il produttore Masciarelli Tenute Agricole (Chieti). Menù degustazione con vini in abbinamento
LEGGI TUTTO

 
IRONMAN IN EMILIA ROMAGNA - SABATO 22 SETTEMBRE 
Torna Ironman con il motto "Anything is possible!". Attesi tremila atleti a Cervia, Ravenna, Bertinoro, Cesena, Forlimpopoli e Forlì.
LEGGI TUTTO

 
Per le AZIENDE meeting e sale convegno
Tante soluzioni in Casa Artusiper manifestazioni, eventi, meeting, incentive e convegni.
LEGGI TUTTO


 

TEAM BUILDING in Scuola di Cucina
Scopri di più sui servizi di Casa Artusi per le aziende

LEGGI TUTTO
Le Case della Memoria nella Guida di Repubblica
A Palazzo Strozzi Sacrati la presentazione del volume e dei contenuti dedicati alle Case toscane

CAse Repubblica
Firenze, 15 settembre 2018 – Le dodici più antiche Case della Memoria della Toscana sono state inserite nel volume “Le guide ai sapori e ai piaceri – Toscana 2019” edito da La Repubblica, Toscana 2019. I contenuti della guida, inclusa la sezione dedicata alle Case della Memoria, sono stati presentati venerdì 14 settembre a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della Presidenza della Giunta Regionale della Toscana (piazza Duomo 10, Firenze). Dal 17 luglio scorso infatti è in edicola con La Repubblica il volume dedicato alle eccellenze della nostra regione, che include alcune sezioni dedicate alle prime Case della Memoria toscane. Per questa edizione sono state selezionate le dimore dei personaggi più antichi in ordine cronologico. 


In più, è presente un box dedicato all’Associazione Nazionale Case della Memoria e una cartina delle case-museo in Italia, con l’obbiettivo di illustrare l'attività della rete delle Case Museo sul territorio nazionale. Da segnalare un passaggio dell’introduzione, firmata da Giuseppe Cerasa: «A testimonianza del legame infrangibile tra la Toscana e il verde e le bellezze della natura. Ma anche del rapporto secolare con uomini e personaggi che hanno scritto la storia e la letteratura d’Italia. E di questo ci siamo voluti occupare nella guida di quest’anno, raccontando i luoghi di Dante, di Boccaccio, del Pontormo, di Agnolo Firenzuola, del Macchiavelli, di Giotto, di Leonardo da Vinci, di Benvenuto Cellini. Ricostruendo i luoghi, le loro storie, ambientando il nostro viaggio nel mondo contemporaneo, arricchendolo delle bellezze del territorio e delle straordinarie offerte enogastronomiche». 

«E’ la prima volta che nelle guide di Repubblica vengono inserite le Case della Memoria – ha detto il presidente dell’associazione, Adriano Rigoli- . Questa opportunità ci dà la forza di continuare a lavorare nella direzione di un turismo non di massa ma di grande qualità. Il nostro obbiettivo però è anche farci conoscere dal turista della porta accanto. Da parte nostra c’è tutta la volontà di accogliere l’invito che ci è stato fatto dal direttore delle guide di Repubblica, Giuseppe Cerasa, per realizzarne una interamente dedicata alle case museo che fanno parte della nostra rete. Ho inoltre proposto di creare, in ogni guida di Repubblica, anche nelle altre regioni d’Italia, una sezione dedicata alle Case della Memoria».

«Siamo felicissimi di far parte di questa iniziativa – ha proseguito il vicepresidente dell’associazione, Marco Capaccioli- e ringraziamo La Repubblica per averci coinvolti. Nella guida sono inserite dodici Case della Memoria. Abbiamo scelto quelle dei personaggi più antichi, da Giotto a Lorenzo Bartolini. La nostra rete però è molto più ampia e comprende settanta Case della Memoria. Tra queste, l’ultima arrivata è la casa natale di Michelangelo Buonarroti».

Ecco le pagine dedicate alle Case all’interno della Guida di Repubblica: Boccaccio, “Ritratti del poeta e i rari libri del Decameron”; Agnolo Firenzuola, “Nella Badia tra gli orti delle muse”; Benvenuto Cellini, “Quel Perseo fuso bruciando padelle nella fornace”; Dante Alighieri, “Ai piedi della torre dove passò la vita di un genio”; Francesco Datini, “Storia e opere di un grande mercante benefattore”; Giotto, “Il pittore massimo scoperto da bambino dal Cimabue”; Leonardo da Vinci, “Alle origini del genio tra ulivi, vigneti e un ologramma”; Lorenzo Bartolini, “L’umile casolare dello scultore del bello naturale”; Niccolò Machiavelli, “Quel principe delle idee e il gioco del tric-trac”; Pontormo, “Il manierista alla scuola della nonna”; Filippo Sassetti, “Villa del Mulinaccio e la storia del mercante filosofo”; Clemente XII Corsini, “Se una villa sa educare un pontefice”. In più, è presente anche un box dedicato all’Associazione Nazionale Case della Memoria e una cartina delle case-museo in Italia. Il tutto illustra l'attività della rete delle Case Museo sul territorio nazionale. 

Le Case della Memoria nella guida di Repubblica
Domani, 14 settembre 2018| Palazzo Strozzi Sacrati, Firenze


invito.png
Firenze | Dal 21 al 23 settembre il cimitero degli Allori ospita "L'Eredità delle Donne" 
Visite guidate gratuite con prenotazione obbligatoria


Sabato 22 settembre
La vera regina di Inghilterra: Alice Keppel 
Alice Keppel diceva di essere la vera regina di Inghilterra, e aveva ragione. Quando re Edoardo VII morì, era Alice a tenergli la mano. Si erano conosciuti dodici anni prima, lei aveva ventinove anni e lui cinquantasette, e divennero amanti, amici, compagni di giochi e di affari. Grazie al suo legame col re, Alice – bisnonna di Camilla Parker-Bowles che ne deve aver ereditato talento e vocazione – sistemò la sua famiglia, compreso il marito George, figlio del VII conti di Albermale. Quello tra Alice e George fu un matrimonio molto felice, e quando il re morì decisero insieme che era arrivata ora di andarsene dall'Inghilterra, e si trasferirono a Firenze, dove comprarono la Villa dell'Ombrellino. Ebbero due figlie, una delle quali divenne molto celebre prima come amante di Vita Sackville-West e poi come scrittrice. Violet Trefusis riposa accanto alla madre nel cimitero degli Allori.
Con Elena Stancanelli, Scrittrice e giornalista

Primo turno: ore 10:00 – 11:00
Secondo turno: ore 11:30 – 12:30


Domenica 23 settembre 
Oriana Fallaci, la fiorentina pura

«Sono nata a Firenze, da genitori fiorentini, il 29 giugno 1929: da Tosca ed Edoardo Fallaci. Da parte di mia madre, tuttavia, esiste un "filone" spagnolo. Da parte di mio padre, un "filone" romagnolo. Connubio pessimo, com'è ovvio, nei risultati temperamentali. Mi ritengo comunque una fiorentina pura. Fiorentino parlo, fiorentino penso, fiorentino sento. Fiorentina è la mia cultura e la mia educazione. All'estero, quando mi chiedono a quale Paese appartengo, rispondo: Firenze. Non: Italia. Perché non è la stessa cosa»: così scanzonata e tagliente Oriana Fallaci si raccontava al suo giornale L'Europeo. E noi la seguiremo lungo le strade della sua ironia e del suo coraggio, tra interviste esilaranti e reportage drammatici, per tracciare il profilo di una donna sempre sopra le righe. Fastidiosa. Irritante. Magnifica. E soprattutto inimitabile.
Con Valeria Palumbo, Giornalista, scrittrice e storica delle donne 
Primo turno: ore 10:00 – 11:00
Secondo turno: ore 11:30 – 12:30


Sabato 22 e domenica 23 settembre 
Madri, mogli, sorelle, figlie: alla scoperta delle donne degli Allori 
A cura di Grazia Gobbi Sica e Lucia Tonini dell'Associazione Amici degli Allori e con letture delle allieve della Calenzano Teatro Formazione a cura di Andrea Nanni
 

Il percorso progettato all'interno del 'giardino della memoria' presenta una serie di storie femminili in una sequenza dettata da opportunità logistiche, ma che nel suo complesso vuole offrire una piccola campionatura, il più possibile varia, di tipologie, ambienti, provenienze. Madri, mogli, sorelle, figlie con una personalità che le ha rese protagoniste della loro epoca, ognuna a suo modo. Raccontare le loro storie e ridare loro la voce arricchisce la memoria della città.
Primo turno: ore 15:30 – 16:45 
Secondo turno: ore 17:15 – 18:30

Info: http://ereditadelledonne.eu/evento/cimitero-agli-allori-la-spoon-river-di-firenze-percorsi-di-visita-in-collaborazione-con-il-cimitero-agli-allori-e-lassociazione-amici-degli-allori/Le prenotazioni sono aperte sul sito del Festival. 

Firenze | Al cimitero degli Allori va in scena "Don't cry #8. Dante agli Allori_Purgatori"

GIOVEDI' 13 SETTEMBRE 2018 ore 21.00
Cappella del Cimitero Evangelico Agli Allori - Via Senese 184, Firenze

DON'T CRY #8
DANTE AGLI ALLORI_PURGATORI

Fondazione Pas
Humanitas Scandicci
Comitato Consorziale delle Chiese Evangeliche
Comune di Firenze
Città Metropolitana Firenze
Regione Toscana
Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze

Gianluigi Tosto_voce
Matteo Fossi_pianoforte

Musiche di Janacek, Mozart, Schubert, Bjork

Il progetto "don't cry", inauguratosi nel settembre 2015, nasce su idea e stimolo della Fondazione Pas e Humanitas Scandicci, gestore dei servizi del cimitero per conto del comitato consorziale delle chiese evangeliche.
Nem (Nuovi eventi musicali) da subito ha raccolto la sfida: portare produzioni legate all'arte, alla cultura e allo spettacolo in un cimitero monumentale. Con questo appuntamento si giunge all'ottava tappa: un omaggio a Dante in vista del grande anniversario del 2021, dedicato al Purgatorio, in una delle zone più suggestive del complesso monumentale.

Ingresso a inviti ritirabili la sera stessa prima del concerto. 
Prenotazioni tramite sms al numero 3409721619


Rassegna stampa
Banner Expo 2015
Banner Memoria
Custom
Banner Alluvione
Custom