Logo Case della Memoria
Le Case della Memoria partecipano al Dantedì del 25 marzo. L’idea di Giuseppe Nuccio Iacono, coordinatore dell’associazione in Sicilia

Omaggio a DANTE Associazione Nazionale Case della memoria 1321 2021


La bellezza dei versi di Dante come auspicio che si possa uscire il prima possibile dalla ‘selva oscura’ che avvolge tutto il mondo, per ‘riveder le stelle’. Arriva dal coordinatore delle Case della Memoria della Sicilia, Giuseppe Nuccio Iacono, l’idea di invitare tutte le realtà dell’Associazione Nazionale Case della Memoria pubblicare, dal 25 marzo in poi, sui propri siti e social network alcuni passi della Divina Commedia.
L’idea arriva in occasione del DanteDì,ovvero la giornata prevista domani che quest'anno avrebbe dovuto aprire le celebrazioni per i 700 anni dalla morte del poeta fiorentino. La proposta è stata accolta con favore dal presidente e dal vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria, Adriano Rigoli Marco Capaccioli.
«Questa iniziativa è un bellissimo modo di ‘rimanere uniti’ in questo momento, nel segno di un personaggio fondamentale per la nostra Storia – commenta Adriano Rigoli -. E in qualche modo fa anche da apripista al calendario di appuntamenti che stiamo organizzando per il 2021 in tutte le Case della nostra rete, proprio in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante»
«L’anno prossimo, in tutte le Case della Memoria italiane saranno realizzati una serie di eventi e approfondimenti nel segno di Dante Alighieri – chiarisce Marco Capaccioli-. L’obbiettivo è quello di illustrare il legame fra Dante e i personaggi delle Case della Memoria legati a vario titolo alla figura del Sommo Poeta, promuovendo eventi nelle singole case museo».
«Il virus potrà impedire lo svolgimento di eventi programmati – spiega Giuseppe Nuccio Iacono- ma non potrà mai fermare la Cultura. Dante è sempre di grande attualità e i suoi versi possono essere un’esortazione a lottare nella selva oscura rappresentata da questo momento di crisi sanitaria incontrato nelcammin di nostra vita. Per poi raggiungere la felice via d’uscita e riveder le stelle». 
Nella giornata dedicata al Sommo Poeta istituita dal Governo per il 25 Marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, le 78 Case della Memoria sparse in tutta Italia potranno partecipare con contributi video, audio o testuali, contrassegnati dagli hashtag ufficiali della giornata: #Dantedì #IoleggoDante. E prendere parte così a una sorta di flash mob letterario scandito dalle terzine della Divina Commedia.


Dalla Francia, un articolo sul convegno l'Europa dei Grandi


In Francia si continua a parlare del convegno "L'Europa dei Grandi", organizzato lo scorso dicembre a Vinci dall’Associazione Nazionale Case della Memoria.
Ecco l’articolo uscito sul bollettino n. 42 della Fédération nationale des maisons d’écrivain & des patrimoines littéraires, il cui presidente Alain Tourneux, ha partecipato all’incontro di Vinci.
Fucecchio (FI) | Avviso chiusura della Fondazione Montanelli Bassi e sospensione iniziative

A seguito del nuovo decreto relativo all'attuale emergenza, in via cautelativa e allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sul territorio, si comunica che la Fondazione Montanelli Bassi resterà chiusa al pubblico fino al 3 aprile. Gli incontri precedentemente pubblicizzati sono rinviati a data da stabilire.
Per aggiornamenti:http://www.fondazionemontanelli.it/sito/

Icom Toscana, Marco Capaccioli (Case della Memoria) nominato consigliere: «L’associazione può contribuire alla crescita di una cultura di sistema»

marco capaccioli

7 marzo 2020 - Il vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria Marco Capaccioli è stato eletto consigliere del Coordinamento Icom Toscana. Icom Italia dal 2008 fonda la sua organizzazione, oltre che sugli organi nazionali previsti dallo Statuto, su una rete territoriale che, attraverso i Coordinamenti regionali, favorisce il dialogo tra i soci e promuove la collaborazione tra musei e professionisti regionali. Crea collegamenti operativi con le istituzioni pubbliche competenti in materia di musei e patrimonio culturale e con altri soggetti impegnati su obiettivi comuni di conoscenza, conservazione e valorizzazione delle collezioni e del patrimonio culturale diffuso, formazione e tutela delle competenze professionali museali. Per questo si sono tenute le elezioni dei nuovi Coordinamenti regionali individuando il coordinatore e i quattro consiglieri per il prossimo triennio. Per la Toscana, sono stati eletti Claudia Baroncini (coordinatore) e i consiglieri Marco Capaccioli, Elisa Bruttini, Silvia Borsotti, Chiara Damiani. 
«I Coordinamenti regionali hanno svolto un ruolo importantissimo nello scorso triennio – spiega il presidente di Icom Italia Adele Maresca Compagna -, portando avanti progetti locali significativi. Nei prossimi anni verranno loro affidati compiti sempre più rilevanti, in relazione all’attivazione del Sistema museale nazionale e delle iniziative formative ad esso connesse, alla costruzione di reti e sistemi e progetti di valorizzazione integrata».
«Sono onorato di questo incarico e ringrazio per la fiducia che mi è stata data – afferma Marco Capaccioli, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria -. Credo che si debba riprendere il lavoro avviato dai colleghi e dalle colleghe del precedente coordinamento per costruire una rete dei musei toscani, per avviare un confronto culturale e professionale dei soci secondo gli obiettivi di Icom. Rispetto al numero dei musei toscani, che sono 716, e degli stessi soci, 247, la presenza di Icom in Toscana può crescere molto: l’associazione può contribuire allo sviluppo di una cultura di sistema, proprio sulla base delle connessioni e degli scambi tra i musei che è in grado di realizzare».
«Sono molto contento che Marco Capaccioli sia stato eletto consigliere del Coordinamento Icom Toscana e gli faccio i miei migliori auguri per la nuova attività - aggiunge Adriano Rigoli, presidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria -. In questi anni, come vicepresidente dell'Associazione Nazionale Case della Memoria, Marco ha fatto un grande lavoro, condividendo con me tutte le scelte e tutti gli impegni. Sono sicuro che riuscirà a portare il suo entusiasmo, la sua capacità organizzativa, le sue qualità per dare una nuova vita al Coordinamento Icom della Toscana. La sua partecipazione come consigliere sarà utile anche per rafforzare la collaborazione della nostra rete museale nazionale con Icom Italia, la cui presidente nazionale, Adele Maresca Compagna, ha partecipato al nostro recente convegno internazionale a Vinci per il V centenario del grande Leonardo».

Museo Marini, l’Associazione Nazionale Case della Memoria: «L’opera dell’artista deve restare a Pistoia, luogo della sua memoria»

Rigoli e Capaccioli


Pistoia, 4 marzo 2020 - Anche l’Associazione Nazionale Case della Memoria interviene sul “caso” Museo Marini di Pistoia. Dopo la manifestazione e le quattromila firma raccolte contro il trasloco a Firenze delle opere di Marino Marini custodite nell’omonimo Museo di Pistoia, la situazione resta ancora incerta. 
Alla protesta hanno aderito cittadini, esponenti del mondo dell'arte e della cultura, ma anche il Comune di Pistoia con la presa di posizione del sindaco Alessandro Tommasi, istituzioni e politici come il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e l’assessore regionale Federica Fratoni.  Anche il Comune di Firenze, con il sindaco Dario Nardella e la vicesindaco Cristina Giachi, ha ribadito che le opere devono restare a Pistoia. Il Museo è chiuso da sabato scorso, da quando il personale della cooperativa che gestiva la portineria non viene più pagata e ha deciso di fermare il servizio.
«L’opera di Marini deve restare a Pistoia – afferma Adriano Rigoli, presidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria - non esiste una Casa della Memoria di Marini, la sua casa è Pistoia, la città dove Marini nacque nel 1901 e alla quale aveva deciso di lasciare tutta la sua documentazione d’archivio. Siamo fiduciosi che le istituzioni si attiveranno per salvaguardare la sua volontà e la sua memoria: le opere di Marino devono rimanere nella sua città, per tenere viva la memoria del personaggio nel luogo che gli ha dato i natali». Un’idea in linea con le volontà della moglie di Marino Marini, Mercedes Pedrazzini che alla sua scomparsa, nel 2008, ha lasciato alla città di Pistoia il nucleo di opere più consistente.
«L’artista era legato alla sua città - aggiunge Marco Capaccioli, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria -. ‘Pistoia è la città dove sono nato, naturalmente e umanamente tutti siamo attaccati alla nostra particella dove siamo nati. Pistoia è in me, anzi, insegna anche qualcosa’, scriveva. La nostra associazione farà tutto il possibile per sensibilizzare le istituzioni, l’opinione pubblica nazionale e internazionale, affinché le giovani generazioni possano continuare ad avere la possibilità di conoscere e ammirare le opere nei luoghi ‘mariniani’. A tal proposito basti pensare che il dipartimento educativo del museo era frequentato da 5000 bambini l’anno. Ecco, anche per i più piccoli è importante capire l’importanza che questi luoghi hanno avuto nell’opera dell’artista e per tutto il territorio pistoiese, che come dice l’artista “insegna qualcosa”».

Visite guidate alla mostra "Dopo Caravaggio"
14 marzo 2020| Museo di Palazzo Pretorio (Prato)

case ok.jpg
 
 
 
 

Faenza (RA) | Festival della Comunità educante: laboratori aperti a tutti

Festival della Comunità educante: laboratori aperti a tutti

martedì 24 marzo ore 16,30- 18,30 visita allo stellario, visione del sistema solare con il l’applicazione solar system con Marta Pederzoli realizziamo uno stellario da portare a casa

giovedì 26 marzo ore 16,30-18,30  gli Origami con Takako Muraki

domenica 5 aprile ore 10-12 “come rendere giocoso il museo” laboratorio creativo di  stampa con il cucchiaio Roberto Gianiinetti Vercelli

Sabato 18 aprile ore 16-19 e domenica 19 aprile ore 10-13 weekend a Casa Bendandi  

3 maggio uscita sul territorio Lugo e la Rocca, i giardini pensili, museo Baracca  e la simulazione del volo (in caso di maltempo laboratorio sul cellulare: la sua storia, filmato, ……)

Venerdì 8 maggio inaugurazione ore 18 – chiusura sabato 23 maggio ore 19

Palazzo Esposizioni  corso Mazzini 92 Faenza  mostra “da zero all’infinito”

Sabato 9 maggio ore 18  Fabrizio Bonoli Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Bologna  I miti delle origini del Cosmo

Domenica 10 maggio Gianna Pinotti Artista e critico d’arte. Il cielo riflesso sulla terra geometria degli astri e architettura sacra-esempi antichi e medievali. A seguire presentazione del nuovo romanzo di Gianna Pinotti

12 maggio martedì Maura Sandri ore 10 accendiamo le costellazioni; laboratorio ore 14.30 a caccia di spettri 

Venerdì 22 maggio ore 21 Daria Guidetti INAF Bologna  L’Universo (e non solo) nel mirino dei radiotelescopi



Casa Museo Raffaele Bendandi 

Via Manara 17  Faenza 

per info 3388188688  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fiesole (FI) | Alla Fondazione Primo Conti il corso "Tra sogno e provocazione: tre artisti raccontano il loro rapporto con la realtà" - RINVIATO a data da destinarsi seguito del recente Decreto del 4 marzo 2020 -
Presidenza del Consiglio dei Ministri, e delle limitazioni da esso imposte. Sul sito www.fondazioneprimoconti.org saranno pubblicati tutti gli aggiornamenti.


 

Tra sogno e provocazione: tre artisti                          raccontano il loro rapporto con la realtà

Il corso sarà articolato in 3 lezioni e si terrà nella sede della Fondazione Primo Conti
a cura di Rita Tambone
PROGRAMMA
SABATO 14 marzo ore 10
Henry Rousseau e la natura come simbolo
SABATO 21 marzo ore 10
Marcel Duchamps dal ready made alla provocazione della Gioconda
SABATO 4 aprile ore 10
Edward Hopper la nitidezza dell'irrealtà
COSTO DEL CORSO
Due lezioni euro 30,00 - Corso completo euro 40,00
Chi è interessato dovrà inviare l’iscrizione e il pagamento entro il 10 marzo
scrivendo a  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 055.597095
Per eventuali variazioni del Programma vi invitiamo a prenderne visione sul nostro sito istituzionale www.fondazioneprimoconti.org
 
 
Non potranno essere rimborsate le quote versate in caso di mancata partecipazione

San Mauro Pascoli (FC) | Visite spettacolo a Casa Pascoli

pascolipascoli

Sabato 21 marzo tutti a Casa Pascoli per un tuffo nel passato! 
"Benvenuti in Casa Pascoli" è una visita-spettacolo pensata per trasportare il visitatore indietro nel tempo, ed incontrare personaggi, atmosfere, suoni e profumi dell’infanzia e della gioventù di Giovanni Pascoli. E la sua poesia così fortemente legata alla casa natale e alla Romagna.

Ingresso € 6
Primo turno: ore 15.30
Secondo turno: ore 16.30
Terzo turno: ore 17.30

Solo su prenotazione: 0541.936070


Taormina | Tutti gli oggetti di Casa Cuseni sono stati finalmente vincolati

Tutti gli oggetti di Casa Cuseni a Taormina - forchette, dipinti, lettere, manoscritti, libri, mobili, sculture - sono stati finalmente vincolati!

L'articolo: https://www.vaitaormina.com/taormina-spadaro-i-2-000-oggetti-di-casa-cuseni-diventano-patrimonio-culturale-nazionale/


Rassegna stampa
Banner Expo 2015
Banner Memoria
Custom
Banner Alluvione
Custom