NOTIZIE

Saluzzo |'Un libro per the' presenta “Combattere in Valle Varaita” di Piero Balbo

Saluzzo |'Un libro per the' presenta “Combattere in Valle Varaita” di Piero Balbo
Il 22 aprile 2016 alle 17,30 incontro alla Scuola di Alto Perfezionamento Musicale
Saluzzo, 20 aprile 2016 - Nell'ambito della rassegna "Un libro per the. I venerdì della biblioteca" Piero Balbo presenta il suo libro “Combattere in Valle Varaita. Da Valcurta 1944 a Valmala 1945” (Fusta editore).
Un resoconto onesto e fedele dei venti mesi di lotta di Liberazione in questa valle del Piemonte
occidentale. Un resoconto senza retorica e senza celebrazione in cui emergono, uno dopo l’altro,
i fatti che hanno portato al trionfo degli ideali democratici in tutta Italia. Da Bellino a Verzuolo,
da Pontechianale a Saluzzo, da Valmala al vallone di Gilba: in questi luoghi i giovani della valle
Varaita e della pianura hanno compiuto una scelta di libertà e hanno lottato organizzati in
distaccamenti e bande di garibaldini e giellisti.
Non importa quanto siano piccoli o sconosciuti i luoghi geografici in cui si svolsero le vicende
narrate da questo libro: sono luoghi con un significato universale, che hanno fatto la storia
dell’Italia che conosciamo oggi, perché a quelle persone si deve la costruzione del sistema di
valori con il quale siamo cresciuti. Valcurta e Valmala sono luoghi che significano libertà,
democrazia, coraggio, solidarietà e fiducia nel futuro. Sono luoghi simbolici degni a pieno titolo
di fare parte di quell’identità che come cittadini democratici dobbiamo ostinatamente consolidare
e difendere. E in questi luoghi uomini che sono stati dimenticati hanno compiuto scelte eroiche e
hanno vissuto epopee personali degne di essere raccontate e tramandate. Questo è anche un
modo per riavvicinarci a quella Grande Storia che si nutre della piccola storia locale, attraverso
le vite e il grande coraggio di uomini e donne normali che hanno saputo diventare eccezionali.
Chi vive e frequenta oggi la valle Varaita riconoscerà i luoghi e i cognomi che vengono citati in
ogni pagina del libro. La scelta dell’autore però è chiara: dichiaratamente di parte e quindi anche etimologicamente
"partigiana". Sono i fatti a parlare e non ci sono sconti per le ingenuità o gli errori dei "ribelli".
Condanna netta e dichiarata per l'ideologia ed il comportamento violento, razzista e disumano
dei nazifascisti. L'iniziativa si inserisce nel programma “Aprile, un mese di resistenza”.
Il libro verrà presentato con l’introduzione di Francesca Galliano dell’Anpi Verzuolo, e gli
interventi di Elisa Allione, Sergio Aragno, Eva Cischino e Francesco Testa.
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image

Case della MemoriaNumero Anti Violenza e Stalking
a sostegno delle donne vittime di violenza e stalking
Chiama ora