Logo Case della Memoria
Empoli | Giornate Busoniane: il concerto di Natale al teatro Shalom

Venerdì 14 dicembre 2018
ORE 21 / Teatro Shalom
Concerto di Natale
Busoni e il cinquantenario di castelnuovo-tedesco
Claudia Koll voce recitante
Alessandro Marangoni pianoforte

image002


BACH-BUSONI Nun komm' der Heiden Heiland,

Preludio Corale BWV 659

M. CASTELNUOVO TEDESCO (1895-1968) Evangelion op.141

Parte I - L'infanzia

L'Annunciazione

La natività

I re magi

La strage degli innocenti

La fuga in Egitto

Parte II - La vita

Il battesimo sul Giordano

La resurrezione di Lazzaro

Parte III - Le parole

Pater noster

Il ritorno del figliol prodigo

Parte IV - La passione

Osanna (l'entrata a Gerusalemme)

L'ultima cena

Crucifige! (Dinanzi a Ponzio Pilato)

Golgota (l'ascesa al Calvario)

Le ultime parole

La resurrezione

Nulla forse più di un Corale come Nur kommt' der Heiden Heiland ci può portare nello spirito natalizio, perfettamente adeguato per immergerci nei 28 piccoli pezzi che Castelnuovo Tedesco aveva voluto espressamente dedicare ai fanciulli, forse ricordando l'invito evangelico a ritornare come bambini per poter entrare nel Regno dei Cieli. Con queste pagine di due compositori italiani che meriterebbero una maggiore valorizzazione auguriamo al nostro pubblico un sereno Natale e un 2019 in cui la musica ci sia sempre fedele compagna.

CLAUDIA KOLL

La sua formazione artistica segue un percorso di perfezionamento progressivo che, partendo dal Metodo Stanislavski e passando per la tradizione recitativa del Teatro Classico Italiano, approda alla scuola di Susan Strasberg, figlia del prestigioso direttore dell'Actor's Studio. La didattica praticata punta a un'interpretazione scenica volta alla ricerca di una complessa verità umana e artistica, che impegna l'attore a una recitazione sostenuta da duri allenamenti e precise regole cui sottostare per evitare comportamenti artificiosi e falsati. Dopo una svolta esistenziale che la riavvicina gradualmente alla fede cristiana, arricchisce e completa la sua formazione artistica attraverso un approfondito studio interpretativo delle Sacre Scritture; arriva quindi ad apprezzare la natura peculiare e unica della Parola di Dio, letta con un proprio originale metodo dove i testi drammatizzati sono conditi da silenzio, ascolto e preghiera. La sua attività professionale nel tempo si è andata evolvendo sì da essere, nel panorama dell'attuale spettacolo italiano, una figura femminile poliedrica: attrice, regista, direttrice artistica e interprete dei testi sacri.

ALESSANDRO MARANGONI

Si è diplomato in pianoforte con lode e menzione con Marco Vincenzi presso il Conservatorio di Alessandria e perfezionato con Maria Tipo e Pietro De Maria alla Scuola di Musica di Fiesole. Contemporaneamente si è laureato in Filosofia presso l'Università di Pavia, alunno di merito dell'Almo Collegio Borromeo. Ha debuttato nel dicembre 2007 con un recital al Teatro alla Scala di Milano, in un omaggio a Victor de Sabata nel 40° anniversario della morte insieme a Daniel Barenboim, e si è affermato sulla scena internazionale come solista in Italia, Gran Bretagna, Svizzera, Germania, Austria, Francia, Polonia, Svezia, Finlandia, Argentina, Cile, Colombia, Cina e Stati Uniti, registrando per importanti emittenti come RAI, BBC e Radio

Nacional de Espana. Ha inciso l'integrale completa dei Peccati di vecchiaia di Rossini (13 CD), tutto il Gradus ad Parnassum di Clementi, i due Concerti per pianoforte e orchestra, l'integrale per violoncello e pianoforte, Evangélion di Castelnuovo Tedesco, la Via Crucis di Liszt e il Requiem di Mozart-Czerny, tutti per Naxos. Collabora con il jazzista e compositore Sandro Cerino, col quale ha registrato il CD (s)Confini per Egea. Ha vinto il prestigioso Premio Internazionale "Amici di Milano" per la Musica. Docente al Conservatorio di Matera, tiene masterclass in Europa, Sud America e Cina.

Biglietti € 15 intero; € 12 ridotto (soci unicoop Firenze, under 26 e over 65)

Prevendite: Libreria Rinascita, Via Ridolfi, 43 0571 72746; Bonistalli Musica, Via Fratelli Rosselli, 19 0571 74056


               
                CASA MUSEO SIGFRIDO BARTOLINI


                                       image d

                                                                      Pistoia
                                                 Venerdì 14 Dicembre ore 17,00 



                            Francesca Allegri racconterà Louisa Grace Bartolini
 

                             Giulia Bartolini darà voce alla scrittrice- poetessa
 

                                             Lo "Spaziodiviadellospizio"
                                                      offrirà una tazza di tè
            



searchLouisa Grace Bartolini 
ella deliberò di rimanere in Italia... e nel 1841 si fermò a Pistoia ove è più caramente la invitava la gentilezza austera delle memorie e delle sembianze e della lingua, gentilezza austera come l'aria di quella città... (Giosuè Carducci)


Francesca AllegriFrancesca Allegri  E' stata direttrice della Biblioteca di Casa Boccaccio. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni fra le quali ricordiamo: Boccaccio e francigena(Certaldo 2008), Storie misteri e leggende lungo la via francigena del sud (Firenze 2011). Donne e pellegrine, (Milano, 2012)


Giulia imagesGiulia Bartolini ( Acc.Naz. Arte Drammatica "Silvio D'Amico" Roma) attrice, regista drammaturga, darà voce alla Poetessa..


Contatti Casa Museo Sigfrido Bartolini
Tel 0573 451311
Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Arezzo | Il calendario degli appuntamenti per le feste a Casa Bruschi

EventiNataleCasaBruschi
Fino al 27 dicembre, la Casa Museo Ivan Bruschi propone un ricco calendario di appuntamenti per grandi e piccoli per trascorrere le prossime festività all'insegna dell'arte, musica e letteratura in un luogo d'eccezione.
Il primo dei due pomeriggi con "Libera... un sacco di storie", a cura della Libera Accademia del Teatro arrivata alla seconda edizione e realizzata in collaborazione con la Fondazione Arezzo Intour, si è tenuto domenica 9 dicembre ella sala del caminetto della Casa Museo dell'Antiquariato Ivan Bruschi, ma domenica 16 dicembre di nuovo spazio a coperte e cuscini con Amina Kovacevich e Ilaria Violin che interpreteranno alcuni brani natalizi estratti da "Le novelle della nonna" di Emma Perodi.
Entrambi gli appuntamenti sono inseriti tra gli eventi di Arezzo Città del Natale e la partecipazione è libera e gratuita.
Gli altri appuntamenti:
Sabato 15 dicembre ecco il percorso didattico "Il ballo delle lettere", percorso e laboratorio tra lettere parole e...calligrafia, indicato dai 6 ai 13 anni; sabato 22 ecco "Trame natalizie", laboratorio di tessitura e sorprese di Natale, indicato dai 6 ai 12 anni. Infine, giovedì 27 dicembre, il concerto che concluderà i nostri appuntamenti di dicembre e che vedrà protagonista l'Accademia dei Broccioni con un viaggio nella musica Barocca e...molto altro ancora.
ASS. NAZIONALE CASE DELLA MEMORIA AL CONVEGNO SUL TURISMO CULTURALE

L'Arch. Giuseppe Nuccio Iacono, consulente Nazionale e coordinatore regionale della nostra associazione presenterà la realtà culturale della Rete Nazionale delle Case Museo della Memoria in occasione della giornata di lavori, dedicata al turismo culturale, organizzata da Confcommercio Sicilia, in collaborazione con Naxoslegge, Archeoclub Naxos-Taormina, con il patrocinio della Regione Sicilia, Ass. Attività produttive e con la compartecipazione del Parco archeologico di Naxos-Taormina, che si svolgerà a Taormina, a Palazzo Ciampoli, il 12 dicembre 2018, dalle ore 11.00 alle.13.00 e dalle 15.00 alle 19.30.
Il titolo scelto per il nostro appuntamento è "Raccontare la Bellezza. Cultura e Turismo in Sicilia. Una sfida di identità sul mercato globale".
Lucca | Tre atti unici verso la morte. Lectio magistralis sul «Trittico» di Michele Girardi 

14 dicembre 2018 Lectio magistralis sul Trittico Michele Girardi


Torre del Lago e Viareggio (LU) | I prossimi concerti del Mese Pucciniano 2018


image001

Presentata a Palazzo Medici Riccardi “Memoria d’Autore”
La mostra delle Case della Memoria per il centenario della Grande Guerra

DSC 0037 copia
Firenze, 5 dicembre 2018 – Si è tenuta ieri, a Palazzo Medici Riccardi, l’inaugurazione della mostra “Memoria d’Autore”, promossa e curata dall’Associazione Nazionale Case della Memoria in occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. La mostra, che ripercorre la Grande Guerra attraverso le storie dei Grandi Personaggi del nostro Paese, sarà ospitata fino all’8 dicembre nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi.
L’inaugurazione è stata preceduta dalla presentazione in Sala Giordano della IV Settimana delle Associazioni Culturali, di cui l’evento fa parte, con gli interventi di Benedetta Albanese consigliere della Città Metropolitana, Ivana Ceccherini presidente della delegazione Cesvot di Firenze e Paolo Ermini direttore del “Corriere Fiorentino”. Con loro, Antonia Ida Fontana presidente del Centro Associazioni Culturali Fiorentine che ha spiegato che «la settimana mette le associazioni in vetrina e dà loro modo di mostrarsi alla città. Ma è anche un modo per dire ai cittadini quanto è importante che ognuno di noi collabori e partecipi alla vita associativa di Firenze. E ricordare anche alle associazioni l’importanza di lavorare in sinergia».
Poi la parola Adriano RigoliMarco Capaccioli, presidente e vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria e Francesco Cutolo, curatore della mostra. A seguire, il taglio del nastro della mostra nella Sala delle Carrozze con il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani.
«L’idea di questo progetto – ha detto il presidente Rigoli– è legata alla presenza nella nostra rete del Castello Sonnino dove sono conservati documenti di prima mano della Conferenza di Parigi. Ma questa è solo la prima parte di un progetto più ampio che si concluderà nel giugno del prossimo anno proprio al Castello Sonnino per mettere in primo piano il punto di vista dei personaggi che hanno partecipato alla guerra. Siamo felici di presentarlo qui, nel luogo in cui cinque anni fa si tenne la mostra Italia-Ungheria, che diede avvio alla collaborazione con omologhe realtà europee».
«Il turismo e il miraggio di questo hanno trasformato la nostra stessa percezione di città storiche con fenomeni di stravolgimento di delicati equilibri dei nostri centri urbani. Stiamo assistendo ad una invasione che non riusciremo a arginare, se non si delocalizzano i flussi turistici e se non si riuscirà a proporre mete alternativi - ha aggiunto Capaccioli – dobbiamo tenere presente che abbiamo la possibilità di convogliare il turismo su progetti diversi. L’associazione ha quindi una missione originale per dare voce a questa rete di case che possono contribuire a ricomporre il quadro unitario in cui stanno insieme Roma e Venezia, Firenze e Napoli. Lo scopo della nostra associazione è proprio quello di virare verso un turismo diverso, fatto di esperienze, di percorsi integrati e fondato sulla valorizzazione di una peculiarità tutta italiana: il patrimonio culturale diffuso su tutto il territorio. Oggi siamo qui con tante associazioni anch’esse diffuse, a livello capillare su tutto il territorio. Il mio appello è che si valorizzino ancor di più le nostre attività, il nostro impegno sociale e culturale e che ci siano dati  i mezzi per darci forza e permetterci di proseguire nel nostro lavoro».
«La mostra – ha spiegato Cutolo – si propone di ripercorrere l’esperienza bellica di alcuni personaggi di spicco legati alle Case della Memoria e aprire una riflessione su quello che la guerra ha significato per il nostro Paese. Lo abbiamo fatto concentrandoci su due figure emblematiche: Sonnino che in pratica condusse l’Italia a scendere in guerra D’Annunzio, protagonista di imprese spettacolari. Ma la mostra non vuole essere solo “memoria”, vuole anche essere un modo per analizzare gli effetti della guerra, sui personaggi ma anche sull’intero Paese, offrendo uno spaccato della società dell’epoca».
«Quest’anno ricorrono 100 anni dalla Grande Guerra - ha detto Giani – e iniziative come questa sono importanti perché aiutano a capire come era l’Italia in quel tempo, ci permettono di a ripercorrere tutto ciò che accadde dopo la vittoria frustrata: le manifestazioni di piazza, le tensioni che favorirono l’ascesa del fascismo. Ed è altrettanto importante legare questa analisi a singoli personaggi che hanno segnato il nostro Paese come Sonnino, un toscano di grande spessore, e D’Annunzio che lasciò un segno indelebile nella cultura fiorentina dell’epoca».
L’allestimento della mostra, che apre un programma di manifestazioni che si concluderà nel 2019, si concentra, soprattutto, su due protagonisti di spicco della vita politica e intellettuale italiana, che rivestirono un ruolo decisivo nella drammatica esperienza bellica. Il primo è Sidney Sonnino che fu Ministro degli Esteri del Regno d’Italia, dalla neutralità fino alla conferenza di pace di Parigi; l’altro è Gabriele D’Annunzio, capofila dell’interventismo, militare pluridecorato e, infine, comandante delle truppe di “irregolari” che, tra il 1919 e il 1920, occuparono la città di Fiume. 
Attraverso le vicende di queste due figure e di altre personalità quali Pellegrino Artusi,Piero BargelliniSigfrido BartoliniRaffaele BendandiIvan BruschiFerruccio BusoniEnrico CarusoGiorgio De ChiricoPrimo ContiEnzo FerrariAntonio GramsciCarlo LeviIndro MontanelliMaria MontessoriGiorgio MorandiMarino MorettiGiovanni PascoliGiacomo PucciniAugusto RadicatiFiladelfo SimiGiulio Turci, la mostra offre brevi notizie sulla guerra combattuta dai soldati, sulle condizioni di vita nel fronte interno, sull’assetto internazionale postbellico e sul difficile dopoguerra italiano, caratterizzato da violenta conflittualità politica e sociale, povertà e crisi economica. Ma anche su come il conflitto influenzò la vita di artisti, intellettuali e letterati.
La mostra, nata da un’idea di Adriano RigoliMarco Capaccioli, presidente e vicepresidente dell’Associazione Nazionale Case della Memoria, è curata da Francesco Cutoloe organizzata con il contributo della Regione Toscana sul bando "Celebrazioni e Ricorrenze". È stata realizzata con la collaborazione del Centro Studi Sidney Sonnino e della Fondazione Vittoriale degli Italiani e gode del patrocinio del progetto dedicato alla Commemorazione della Prima Guerra Mondiale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’evento fa parte della IV Settimana delle Associazioni Culturali in programma a Firenze fino al 9 dicembre.


 Casa Museo Sigfrido Bartolini

INVITO

Lunedì 10 Dicembre 18,00 
Milano, Biblioteca Sormani

Presentazione del volume 
Simonetta Bartolini "L'Epica della Grande Guerra
Luni Editrice 2018


Con l'autrice intervengono  Stenio Solinas e Armando Torno


invito Bartolini Luni 10 dicembre 2018 Biblioteca Sormani 


Firenze | Al via la IV settimana delle Associazioni Culturali Fiorentine

programma 2018 associazioni culturali


Martedì 4 dicembre inizia nella Galleria delle carrozze in via Cavour la IV settimana delle Associazioni Culturali Fiorentine, che aderiscono al Centro delle Associazioni presieduto dalla Dottoressassa Antonia Ida Fontana, con dibattiti, mostre e concerti. 

L’inaugurazione sarà martedì 4 dicembre nella Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi, via Cavour n.1, alle ore 16,30 con un con concerto del pianista GREGORIO NARDI organizzato dall'Associazione “Il Foyer” in collaborazione con l’Associazione Case della Memoria.

Il concerto sarà preceduto dalla relazione inaugurale del Direttore del Corriere Fiorentino Paolo Ermini e da una breve presentazione delle mostre installate nella sottostante galleria. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

programma 2018 associazioni 2culturali

Milano | Inaugurazione di CantiereMemoria 

CM invito


Rassegna stampa
Banner Expo 2015
Banner Memoria
Custom
Banner Alluvione
Custom