NOTIZIE

Vicchio | Festival Luna, Note e Parole alla Casa di Giotto

Vicchio | Festival Luna, Note e Parole alla Casa di Giotto
Proseguirà fino al 30 Luglio sotto la direzione artistica di Marco Paoli
FESTIVAL LUNA NOTE PAROLE A CASA DI GIOTTO 1Vicchio - Il Festival si terrà principalmente alla CASA DI GIOTTO a Vespignano (VICCHIO), ma sarà anche "Itinerante" ed avrà luogo in altre località: Faltona, Palazzuolo sul Senio, Villa campestri e Villa Pecori. Il Tutto è iniziato il 2 Luglio con 'Il sogno di Giotto' di e con Marco Paoli, per proseguire il 9 Luglio con 'Garibaldi' di e con Marco Zannoni, un monologo divertente che racconta il passaggio di Garibaldi nella zona di Comacchio durante la sua fuga verso Torino. Il 23 Luglio con 'Ars Moralia', omaggio a Giotto di Bondone, uno spettacolo di musica e canzoni. Il 30 Luglio Il Mugello incontra Garcia Lorca, Carlos Gardel ed altri spettacolo di musica spagnola e dintorni.
Il 17 Luglio sarà inaugurata, sempre presso la Casa di Giotto la Mostra DIALOGO VISIBILE di Mauro Baroncini.
L'ingresso agli spettacoli è di 8 €.








Roma | La Fondazione Isabella Scelsi presenta 'Nel suono di Scelsi

Roma | La Fondazione Isabella Scelsi presenta 'Nel suono di Scelsi'
Lunedì 4 luglio alle 18.30 s'inaugura la mostra che rimarrà aperta fino al 29 luglio, in via di San Teodoro 8 a Roma
Roma, 4 luglio 2016 - Il filo rosso che muove la mostra allestita con le poesie di Giacinto Scelsi conservate nell’Archivio della Fondazione Isabella Scelsi è l’idea di voler pensare la poesia come altro pensiero musicale. Scelsi musicista e Scelsi poeta, continuità e rotazione tra musica e poesia, perfettamente complementari tra di loro. La poesia è polifonia con le sue voci interne ed esterne, dell’io e di altri. Il suo verso si forma con linea dinamica, in un insieme di movimenti, non c’è staticità o linearità. La parola è suono: "_Vi sono di contrappunti (se si vuole), vi sono sfasamenti di timbri diversi, armonici che producono effetti del tutto diversi fra loro, che non solo provengono dal suono, ma che giungono al centro del suono; vi sono anche movimenti divergenti e concentrici. Esso allora diventa grandissimo, diventa una parte del cosmo. anche se minima c’è tutto dentro_.” (G. Scelsi).
Nel pomeriggio, nella terrazza della Fondazione, con il suo suggestivo affaccio sul Palatino, sarà allestita una sofisticata ma non invasiva installazione (_Nel suono di Scelsi_, a cura dei compositori del CRM), in cui con l’impiego di PLANOFONI, sarà generato un ambiente sonoro soffuso e omogeneo che permette una profonda e naturale percezione dello spazio e della sua capacità evocativa.
Orari visita: dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00 e su appuntamento Info: tel 0669920344 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. In collaborazione con il Centro Ricerche Musicali [2] Fondazione Isabella Scelsi - Via di San Teodoro 8 - 00186 Roma - Tel.+ 39 06 6992 0344 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presentazione del Quaderno n. 4 dell’ARSVS

Logo Fondazione jpg

Venerdì 8 luglio 2016, ore 21,30 presso il Museo di Fucecchio (Palazzo Corsini, Piazza Vittorio Veneto – Fucecchio) si terrà la Presentazione del Quaderno n. 4 dell’ARSVS - Associazione per la ricerca storica e archeologica nei comuni di Cerreto Guidi, Fucecchio, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco, Santa Maria a Monte, in collaborazione con la Fondazione Montanelli Bassi. Interverrà il prof. Italo Moretti
All’interno del volume: saggi e articoli di Roberta Barsanti, Paolo Benvenuto, Agostino Dani, Alexander Di Bartolo, Pier Giuseppe Leo, Silvia Leporatti, Alberto Malvolti, Gabriele Manfredini, Michele Nucciotti, Silvano Santi, Paolo Santini, Giorgio Turi, Valerio Vallini, Andrea Vanni Desideri, Guido Vannini.

Prato |Vaiano, un confessionale del XVIII secolo per il Museo della Badia

Prato |Vaiano, un confessionale del XVIII secolo per il Museo della Badia
Una donazione privata che arricchisce il percorso espositivo

Museo della Badia di Vaiano Casa Agnolo FirenzuolaPrato, 23 giugno 2016 - Il Museo della Badia di Vaiano si impreziosisce grazie alla donazione di un pregiato pezzo di artigianato artistico. Si terrà domenica 26 giugno, dopo la Santa Messa delle ore 10.30, la benedizione e la presentazione al pubblico di un prezioso confessionale in noce intagliato della fine del XVIII secolo, donato al Museo della Badia da Marcella Corsi in memoria del marito Paolo Bigagli, grande appassionato d’arte e di storia e collezionista di opere d’arte e antiquariato.

Dopo la consueta Messa delle 10.30, intorno alle 11.30, il Parroco di Vaiano don Marco Locati e il Coordinatore del Museo Adriano Rigoli, insieme a tutti i presenti e i donatori si recheranno al Museo della Badia di Vaiano per la cerimonia di benedizione e presentazione, alla quale sarà presente anche il Sindaco vaianese Primo Bosi che porterà il saluto della comunità che molto ha a cuore il restauro della Badia e lo sviluppo del suo museo.

Il dono va ad arricchire il percorso espositivo del museo di cui nel 2017 si festeggerà il 25° anniversario della costituzione: fu inaugurata nel 2 maggio 1992 la prima mostra che ha segnato la nascita dell’attuale Museo della Badia, allestita in occasione degli Itinerari Laurenziani per ricordare il quinto centenario della morte di Lorenzo il Magnifico. Proprio grazie alla nascita del Museo della Badia si è posta una nuova attenzione sul complesso architettonico e artistico dell’antico monastero che negli anni successivi è stato sottoposto a un complesso intervento di restauro, in parte ancora da terminare. La Badia di Vaiano oggi è anche parte dell’associazione nazionale Case della Memoria, che riunisce le abitazioni di personaggi illustri della cultura italiana. La Badia di Vaiano fu abitata dallo scrittore e poeta Agnolo Firenzuola, abate del monastero dal 1538 al 1543, anno della sua morte. Durante la sua permanenza a Vaiano scrisse le opere più note come “La Prima Veste dei discorsi degli animali” e “I Dialoghi delle bellezze delle donne”. All’interno della Badia si può ancora visitare è la “residenza dell’Abate”. Tra i libri ed i documenti esposti, alcuni volumi di Agnolo Firenzuola fra cui la prima edizione delle “Prose” (1548) e delle “Rime” (1549).

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image

Case della MemoriaNumero Anti Violenza e Stalking
a sostegno delle donne vittime di violenza e stalking
Chiama ora